VIA VALLESORDA SNC - 86082 CAPRACOTTA (IS) - 0865.945368 info@hotelcapracotta.it    WhatsApp: 393 90 13 998

quando penso ad un viaggio... penso alle sue tradizioni!

La ’Ndocciata

LaNdocciata (la ‘ndoccia è una torcia di abete bianco e ginestre alta fino a 4 metri) è tipico della tradizione agnonese, di forte carica simbolica, che si manifesta in una lunghissima “lingua di fuoco” fatta di fiaccole e torce artigianali recate a spalla da portatori, che si snoda lungo le vie del paese attirando annualmente migliaia di visitatori.
La magia della ‘Ndocciata si ripete la notte dell'8 e 24 dicembre: al suono del rintocco del campanone della Chiesa di S. Antonio Abate. I portatori delle contrade agnonese (Capammonde e Capaballe, contrade Sente, Guasta, San Quirico, Sant’Onofrio, Montagna) perpetuano così l’antico rituale del fuoco, che in tutte le civiltà pagane indoeuropee segna la vittoria della luce sulle tenebre.

Sapori della civiltà pastorale: la Pezzata

Folle oceaniche raggiungono anche da fuori regione il verde di Prato Gentile la prima settimana di agosto e da quasi un quarantennio in occasione della Sagra della Pezzata, autentica pietanza tipica della civiltà della transumanza. La specialità veniva preparata dai pastori in alta montagna, costituendone uno degli alimenti principali. La ricetta è di semplice esecuzione ma richiede una lunga cottura a fuoco lento, in un paiolo messo a bollire su un fuoco all’aria aperta. Pezzi più o meno grossi di carne di pecora, acqua ed aromi gli ingredienti di questo piatto, che si gusta in umido accompagnata da fette di pane casereccio.

Un angolo di far west in Alto Molise

La Corsalonga, che oggi si impone quale maggior raduno equestre dell’Italia centro meridionale, consiste in una serie di manifestazioni di sport, spettacolo, cultura, che hanno ad oggetto il cavallo ed un ambiente selvaggio con acque fresche, spazi verdi, boschi ed aria pulita.
Staffoli, che in Molise è sinonimo di agriturismo ed equitazione, viene così invasa da migliaia di turisti, che assistono a gare di fondo, monta western, di gimkana ed abilità, oltre a rassegne equine e manifestazioni folcloristiche e musicali. La manifestazione, che si articola in più giorni, si tiene solitamente nella seconda metà di agosto.

Il tartufo - una ricchezza che viene dal sottobosco

L’Alto Molise è un territorio ricco di pregiati prodotti del sottobosco, funghi e tartufi in particolare. Il tartufo, presente in gran quantità nella specie Tartufo Nero (Tuber Aestivum Vitt.) o scorzone e sporadica in quella del Tartufo Bianco (Tuber Magnatum Pico), rappresenta una delle principali ricchezze di San Pietro Avellana, entrata a far parte dell’Associazione nazionale “Città del Tartufo”.
San Pietro Avellana organizza da oltre un decennio, la seconda domenica di agosto di ogni anno, la Sagra del Tartufo Nero, che richiama turisti e buongustai anche dalle regione limitrofe, per i primi di novembre invece la Mostra Mercato del Tartufo Bianco pregiato.